Lunedi, 07.01.2019

Vi presentiamo i nove finalisti di «gusto19»!

I cuochi apprendisti svizzeri hanno avuto quattro mesi di tempo per inviare la loro candidatura per poter partecipare all’edizione anniversario del concorso di cucina nazionale per apprendisti. Adesso è chiaro quali nove giovani talenti culinari sono riusciti a convincere con le loro creazioni e si sfideranno alla finale di «gusto19».

Il 21 marzo 2019 quattro ragazze e quattro ragazzi si sfideranno alla grande finale di «gusto19», l’unico concorso di cucina nazionale per apprendisti in Svizzera. Quattro di loro sono al 2° anno di apprendistato, mentre cinque al 3° anno. Arrivano da varie regioni della Svizzera e lavorano in diverse attività gastronomiche, ma tutti hanno un denominatore comune: sono il futuro creativo del settore gastronomico svizzero e sono riusciti già a imporsi su numerosi partecipanti.
 

I finalisti di «gusto19»:

sig.ra Victoria Fehrler Gasthof zum Goldenen Sternen Basilea 3. LJ
sig. Simon Grimbichler Gasthof Kreuz Egerkingen Egerkingen 3. LJ
sig. Yanik Hartmann Seepark Thun Thun 2. LJ 
sig. Manuel Hofer Stadtspital Triemli Zurigo 2. LJ 
sig.ra Marina Koch Hotel Krone Lenzburg Lenzburg 2. LJ
sig.ra Laura Loosli Restaurant Panorama Hartlisberg Steffisburg 2. LJ
sig. Remo Messerli Landhaus Liebefeld Liebefeld 3. LJ
sig.ra Ekaterina Panova Hotel Eden Roc Ascona 3. LJ
sig. Tom Walter Hotel Kettenbrücke Aarau 3. LJ

 

 

 

 

 

 

 


 

I giovani talenti culinari al 2° e 3° anno hanno avuto da agosto 2018 quattro mesi di tempo per creare i loro piatti in base alle direttive fornite dall’organizzatore del concorso Prodega/Growa/Transgourmet e dal patronato Società Svizzera dei Cuochi. Il tema di quest’anno è «Dal Mediterraneo alle montagne svizzere»: un viaggio culinario tra i generi alimentari e spezie del Mediterraneo o carne di manzo svizzero, per esempio, della marca propria Transgourmet Origine. «Quest’anno il tema ha influenzato in modo particolare i partecipanti nella preparazione di creazioni colorate», questa è la prima conclusione di Doris Vögeli, presidente della commissione di concorso della Società Svizzera dei Cuochi che, in una procedura anonima, ha selezionato i nove migliori candidati. «Anche quest’anno la qualità è stata molto elevata. La rosa dei finalisti è così avvincente e variegata come non mai fino ad ora».

Gara di cucina dal vivo davanti a una giuria competente
Il 21 marzo 2019 i nove finalisti dovranno dimostrare di essere in grado di riuscire a realizzare le loro creazioni. Fino ad allora avranno alcune settimane di intenso allenamento durante il quale saranno sostenuti dalle proprie attività di apprendistato, che metteranno a disposizione il loro sapere e tempo. Inoltre, per la prima volta in assoluto, durante una giornata di allenamento, tutti i partecipanti avranno la possibilità di chiedere consigli a Tobia Ciarulli, Team manager della Nazionale Svizzera dei Cuochi e membro di giuria a livello internazionale.

Presso la scuola professionale a Baden i finalisti prepareranno dal vivo le loro creazioni entro tre ore, vale a dire un antipasto e un piatto principale, sotto gli occhi di una giuria competente. Questa valuterà, tra l’altro, la mise en place, il lavoro economico, come anche l’igiene sul posto di lavoro e le tecniche culinarie. Infine, una seconda giuria, poi, degusterà e valuterà la presentazione e il gusto dei piatti.